Funghi raccolta, specie e sagre in Piemonte 2018

Le valli piemontesi ospitano numerose specie di funghi e vantano un’antica tradizione nella “cerca” di funghi, testimoniata per esempio dai famosi mercati di Pagno e di Sanfront, punto di ritrovo da secoli per i raccoglitori delle valli limitrofe che qui vendono i funghi migliori.

Le valli del Piemonte sono caratterizzate da una grande varietà di piante e di alberi come faggi, castagni, betulle e querce e sotto di essi si nascondono i diversi tipi di funghi.

Raccolta

La raccolta dei funghi nelle vallate piemontesi è pratica diffusa da tempi remoti e può essere effettuata sia come pratica amatoriale, abbinata al piacere di passeggiare nei boschi, che come attività semi professionale praticata dai cosiddetti boulerè, veri e propri professionisti della raccolta.

Il momento migliore per raccoglierli nei boschi è il mattino successivo a una nottata di pioggia; prima di mangiare funghi raccolti da sé è bene farli ispezionare a una ASL territoriale per scongiurare il rischio di ingerire funghi velenosi e possibilmente mortali.

Il periodo della raccolta si apre con l’inizio della primavera per chiudersi a novembre.

Ricordate che la raccolta amatoriale dei funghi può essere effettuati solo seguendo precise norme stabilite dagli organi di competenza del territorio ed avendo un tesserino.

Varietà di funghi più diffuse in Piemonte

Le varietà  più diffuse in Piemonte sono:

  • Ovulo Buono o Fungo Reale, molto ricercato per la sua ottima commestibilità;
  • Porcino Chiaro, uno dei funghi più conosciuti;
  • Porcino Rosso, con una caratteristica pigmentazione rossa della carne sotto la cuticola del cappello;
  • Porcino Estivo con pregiate caratteristiche organolettiche;
  • Porcino Nero specie diffusa principalmente alle basse quote, difficilmente lo si trova oltre gli 800 metri;
  • Chiodino una specie piuttosto tardiva che è presente dall’autunno inoltrato fino all’inverno;
  • Porcinello Nero localmente noto anche come Crava Grisa o Gambetta Grisa e il cui cappello, che sarebbe meglio rimuovere al momento del consumo, si presenta per lo più di colore grigio chiaro con tonalità giallastre;
  • Porcinello Rosso, localmente noto anche come Crava Rossa o Gambetta Rossa e con un cappello che va dall’aranciato al color albicocca liscio, asciutto ma viscoso;
  • Crava Scura con un cappello che va dall’ocraceo al marrone;
  • Gallinaccio con un cappello frastagliato ai bordi;
  • Griffone con un orlo coperto da pori;
  • Lingua di Brughiera il cui cappello ha la forma di una foglia di insalata.

In Piemonte potrete essere visitatori di diverse sagre che trovano al loro centro proprio i funghi ve ne segnaliamo alcune.

Proprietà dei Funghi

funghi sono alimenti poco calorici, ricchi di minerali come fosforo, potassio, selenio e magnesio.

Contengono, inoltre, lisina e triptofano, vitamine del gruppo B e alcune sostanze antiossidanti. Grazie alle loro caratteristiche aiutano il sistema cardiovascolare a mantenersi in forma.

Le calorie variano a seconda del fungo in linea di massima si hanno per 100 g di porcini circa 26 kcal / 107 kj.

Inoltre, per 100 g di porcini abbiamo:

  • Acqua 92g
  • Carboidrati 1g
  • Zuccheri solubili 1g
  • Proteine 3,90g
  • Grassi 0,70g
  • Fibra totale 2,50g

Invece 100 g di champignon contengono:

  • Calorie 22 calorie
  • Carboidrati 4,3g
  • Proteine 2,5g
  • Grassi 0,1

I funghi conservano le proprie caratteristiche nutrizionali anche quando sono essiccati; dunque, in mancanza di funghi freschi, quelli secchi andranno benissimo.

Sagre Piemonte

Bagnolo

Il mercato dei funghi a Bagnolo ha una tradizione secolare; già a inizio 1900 la vendita veniva effettuata sotto la vecchia Ala Comunale di Piazza San Pietro, questa tradizione ora non è più in voga ma può capitare durante il periodo di raccolta di trovare ancora qualche bancarella il sabato pomeriggio.

Non manca invece la manifestazione “Funghi e Frutta” che si svolge solitamente nelle prime domeniche di Ottobre, in questa occasione i migliori “boljur” rispuntano come d’incanto con i loro cestini di porcini e il mercato risorge agli antichi fasti 

Giaveno

Giaveno presidia l’intera Val Sangone ed è ricca di boschi. Roccaforte sabauda e villa di delizie della nobiltà subalpina, tra Ottocento e Novecento diventa luogo di villeggiatura per i torinesi.

Il nome di Giaveno è da sempre legato al “Re del sottobosco” e grazie alla storicità e continuità del mercato dei funghi freschi spontanei può considerarsi a pieno titolo la “Capitale del fungo”.

Nel mese di ottobre è possibile degustare i prelibati funghi in ristoranti e trattorie del posto e passeggiare fra le bancarelle di funghi con la festa. Il mercato è animato dai cercatori di funghi con esemplari appena raccolti nei boschi del territorio.

Degustazioni in piazza, mostre micologiche, incontri ed escursioni arricchiscono il programma della manifestazione. Nelle domenica di festa la città presenta anche la fiera commerciale d’autunno ed il mercato dei prodotti del territorio con musica, spettacolo ed animazione.

Da visitare il Museo Civico del Fungo, Centro di Documentazione del bosco e del fungo, punto di riferimento permanente sui funghi, sul patrimonio boschivo e sul territorio montano. Il Museo è costituito da un’area documentale con “alberi” e specie fungine, da pannelli illustrativi e un angolo dedicato alla visione del video documentario “Andar per Funghi”.

In virtù della sua posizione Giaveno è perfetto connubio di natura, storia e cultura e semplici prelibati prodotti locali fra cui il fungo, aspetti che consolidano la sua vocazione turistica.

Trontano

 

La sagra del fungo nasce nel 1985 con l’intento di valorizzare uno dei prodotti tipici dei boschi del Piemonte, organizzata da sempre dalla pro loco locale insieme ad altre associazioni. Quest’anno la sagra del fungo di Trontano si svolge il 14-15-16 Settembre 2018.

Durante questa sagra sono presenti spazi dedicati a mostre, esposizioni, concorsi, artigianato locale.

Si possono degustare il classico risotto con i funghi la cucina, la polenta, il pane nero, salumi e formaggi. Si può concludere con le torte tipiche locali come la “credenzign” il tradizionale dolce col pane nero cotto negli antichi forni.

La manifestazione si conclude la domenica con la grande sfida tra i rioni del paese e la sfilata dei carri allegorici.

Se hai trovato interessante l’argomento leggi anche

le querce secolari monumenti della natura nel piemonte

Ricette facili e veloci da preparare coi funghi porcini e cardocelli

I boghi più belli e caratteristici delle vallate piemontesi

le residenze sabaude del piemonte

Le isole borromee fascino e storia delle isole del lago maggiore

Lascia un commento